Volley, che rimonta di Perugia: nuovo trionfo in Coppa Italia


In una finale bellissima Perugia, sotto 2-0 contro Civitanova, fa una grande rimonta e conquista al tie-break la sua seconda Coppa Italia consecutiva
perugia

Lorenzo Bernardi e i suoi giocatori. Foto: Michele Benda/MBVisual per Sir Safety Perugia

Sono stati due giorni di grande volley quelli vissuti a Casalecchio di Reno (BO). A contendersi il primo trofeo stagionale, la Coppa Italia, c’erano le migliori quattro formazioni della SuperLega: Modena, Perugia, Civitanova e Trento.

Nella prima semifinale i campioni d’Italia in carica hanno confermato quanto fatto vedere nel recente confronto in campionato. Il 3-0 su Modena con il quale Leon e compagni hanno chiuso l’incontro (25-18, 28-26, 25-17 i parziali) dice molto sul momento delle due squadre. La Sir Safety, dopo un iniziale periodo di rodaggio, coinciso con alcuni risultati non ottimali, sta trovando la sua dimensione, ben guidata in panchina da Lorenzo Bernardi. Di contro gli emiliani stanno vivendo un momento delicato, era una delle favorite della vigilia ma fatica a reggere il ritmo delle prime.

Più equilibrata l’altra sfida tra Trento e Civitanova, ma alla fine a prevalere è stata la compagine campione del mondo in carica, che al tie-break (25-20, 21-25, 25-19, 15-25, 15-10) ha avuto la meglio.

Questo è il preambolo per una finale che metteva di fronte quanto di meglio ha da offrire oggi la pallavolo italiana, Perugia e Civitanova. La qualità di queste due formazioni è emersa durante l’arco dell’incontro, che ha visto i marchigiani più concentrati nella prima parte e con un importante 2-0 grazie a un doppio 25-21. Trovatasi con le spalle al muro Perugia, come l’araba fenice, ha saputo risorgere dalle proprie ceneri, aggrappandosi ai suoi uomini chiave tra i quali spicca Wilfredo Leon, premiato a fine partita come migliore in campo.

perugia

Immagine per gentile concessione dell’ufficio stampa della Sir Safety Conad Perugia

Il giocatore cubano naturalizzato polacco nel terzo set  (26-24) ha cambiato marcia portandosi sulle spalle le sorti dei suoi compagni che, è bene ricordarlo hanno dovuto lottare con le unghie e coi denti per avere la meglio contro una Lube mai doma e che ha lottato su ogni pallone. Uno dei momenti chiave del match è stato il turno di battuta di Leon sul finire del quarto parziale, con gli umbri in svantaggio 19-17. Grazie ad i suoi ace ed ai primi tempi di Ricci, il più giovane giocatore in campo, ben servito da De Cecco, la compagine di Bernardi è riuscita ad arrivare all’ultimo decisivo set (25-23). Un parziale nel quale ha regnato l’equilibrio che è stato vinto dai perugini col parziale di 15-13.

Quando l’ultimo pallone ha toccato terra, è partita la festa dei Sirmaniaci, con in testa il presidente del club umbro, Gino Sirci. Questo trofeo è il giusto premio per chi sta investendo per rendere questa squadra competitiva e capace di lottare alla pari contro ogni avversario. L’anno scorso un solo trofeo sfuggì dalle mani di questa incredibile squadra, la Champions League. L’affermazione di ieri può dare ai giocatori della Sir Safety Conad Perugia la giusta motivazione per arrivare carichi alla fase calda della stagione, quella in cui si alzano trofei ancora più importanti. Vincere aiuta a vincere, nel capoluogo umbro ci hanno preso gusto e non sembra abbiano voglia di smettere di collezionare trofei.

Massimo Colaci (Sir Safety Conad Perugia): “Una grande vittoria ed una grande sofferenza. Una partita incredibile, eravamo sotto 0-2 e loro giocavano da Dio. Poi ci riamo ripresi e sciolti, sfruttando meglio i contrattacchi e prendendoci una vittoria incredibile. I nostri tifosi? Stanno godendo insieme a noi!”. Aleksandar Atanasijevic (Sir Safety Conad Perugia): “Abbiamo dimostrato di essere una squadra fortissima, anche sotto di due set ci abbiamo sempre creduto anche perché avevamo mille persone a fare il tifo per noi! Sono i nostri tifosi a fare davvero la differenza, questa Coppa è tutta per loro”.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA – CUCINE LUBE CIVITANOVA 3-2

Parziali: 21-25, 21-25, 26-24, 25-23, 15-13

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 6, Atanasijevic 18, Podrascanin 8, Ricci 11, Leon 26, Lanza 12, Colaci (libero), Della Lunga, Piccinelli, Seif, Galassi, Hoag. N.e.: Hoogendoorn. All. Bernardi, vice all Fontana.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Bruno 2, Sokolov 25, Diamantini 8, Simon 8, Juantorena 17, Leal 13, Balaso (libero), D’Hulst, Cantagalli 1, Kovar. N.e.: Massari, Cester, Stankovic, Marchisio (libero). All. De Giorgi, vice all. Camperi.

PERUGIA: 23 b.s., 12 ace, 45% ric. pos., 25% ric. prf., 52% att., 9 muri. CIVITANOVA: 19 b.s., 6 ace, 44% ric. pos., 29% ric. prf., 60% att., 11 muri.

Andrea Pulcini

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: