Taggato: teatro

0

“Blues in sedici”: la città dolente torna in teatro

Al Teatro Argot Studio di Roma, è tornato “Blues in sedici”, successo letterario di Stefano Benni targato 1998 con la regia di Maurizio Panici e le musiche di Umberto Petrin e Paolo Damiani. Con lo stesso vigore di vent’anni fa, sei voci raccontano la storia di un sacrificio e portano sul palco la notte nera di una città

0

Teatro dell’Orologio: quale futuro?

Una delle realtà culturali più attive e innovative di Roma è stata chiusa due sere fa con un intervento della Questura, che ha messo i sigilli alla storica multisala a causa della mancanza di un’uscita di sicurezza. Per approfondire la delicata situazione abbiamo intervistato Gianluca Cheli, responsabile progettazione, comunicazione e promozione del teatro

0

“Il grande inquisitore”: Dostoevskij torna a Roma

Al Teatro Vascello di Roma è andato in scena “Il grande inquisitore”, tratto da “I fratelli Karamazov” di Fëdor Dostoevskij. La regia di Irma Immacolata Palazzo unisce al monologo anche il ballo, il canto ed il video. Ne risulta una performance coinvolgente e profonda, che arriva ad umanizzare Cristo

0

“Le Bal”: lo spettacolo muto che scuote la Capitale

Fino al 23 ottobre il Teatro Sala Umberto di Roma ospita “Le Bal”, innovativo spettacolo di Giancarlo Fares. Una troupe di giovanissimi riattraversa gli avvenimenti salienti degli ultimi 50 anni a passo di danza, guidando il pubblico in un’avventura in cui l’unica voce è quella della musica. Fatevi affascinare dalla profondità che riescono ad avocare espressioni e corpi in movimento, per piangere e ridere con leggiadria

0

Tutti insieme… inevitabilmente

Il 28 e 29 settembre il Teatro “Porta Portese” di Roma ha ospitato il recital itinerante “Tutti insieme inevitabilmente”, messo a punto dagli allievi della Casa del Teatro e del Cinema con un taglia-e-cuci nonsense di tutte le loro rappresentazioni meglio riuscite. Lo spettacolo convince il pubblico, divertendolo ed emozionandolo, e accende una riflettore potente sull’impegno e la costanza dei giovani teatranti della Capitale