Dai libri senza parole alle letture ad alta voce: a Più Libri Più Liberi un nuovo spazio per i ragazzi

Un divertente ambiente colorato dove i bambini possono esprimersi liberamente, ecco l’angolo – laboratorio presentato quest’anno in fiera interamente pensato per i più piccoli e in grado di accogliere i vari progetti presenti sul territorio che li vedono come protagonisti

di Clarissa Coppola

fonte immagine: palazzoesposizioni.it

fonte immagine: palazzoesposizioni.it

Lo scorso anno ci eravamo lasciati con una proposta. Ebbene, un anno dopo l’idea è diventata realtà e la mostra ha preso il via .

Dunque i visitatori di Più libri più liberi 2013 vengono aggiornati sull’evoluzione del lavoro svolto. La lista dei Paesi che fanno parte del percorso di “Libri senza parole dal mondo a Lampedusa” è ricca, troviamo: Australia, Austria, Belgio, Canada, Corea, Danimarca, Francia, Germania, Gran Bretagna, Iran, Italia, Messico, Nuova Zelanda, Pakistan, Portogallo, Paesi Bassi, Russia, Slovenia, Spagna, Svezia, Thailandia, Turchia e USA.

Le immagini in questione catturano l’attenzione, pur non contenendo testi scritti sono in grado di evocare suoni, sensazioni e atmosfere in ognuno di noi; perché serve qualcuno a dare voce ai silent book, adulti che “leggono” in un certo senso anche ai più piccoli offrendo la possibilità di ascoltare e interagire instaurando un rapporto che va oltre il linguaggio.

Prima di fare rientro a Lampedusa, la mostra itinerante viaggia verso le altre tappe che la vedono protagonista. Il laboratorio creato, presentato al pubblico in occasione della fiera  appunto, prevede un vero e proprio taccuino con la honour list delle opere scelte e tra cui merita la menzione speciale Ibby Italia con “La mela e la farfalla” di Iela e Enzo Mari (Babalibri, Milano, 2004).

Per far capire l’importanza della lettura alla scoperta di se stessi e degli altri, l’iniziativa coinvolge tutte le fasce d’età attraverso la serie di libri silenziosi che raccontano storie a modo loro. Come sostiene il sindaco Giusi Nicolini:Una biblioteca per i bambini dell’isola, che possano imparare a distinguere l’orizzonte dal confine, per i bambini che passano, perché Lampedusa non sia soltanto una tappa di viaggio. Perché attraverso i libri è possibile costruire una cultura dell’accoglienza, del rispetto, della partecipazione”. Albi illustrati per interrogarsi e riflettere e a cui l’isola siciliana è legata. Raffigurazioni artistiche a sostegno di progetti come quello di cui ci ha parlato lo scorso luglio il nostro editore, Graziano Rossi tramite Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia per i murales realizzati  in occasione del terzo campo sui diritti umani .Tutti lavori ben riusciti che rappresentano  il futuro di chi vuole immergersi in un mondo tutto realizzare.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: