Taggato: Pd

pd 0

Il PD è morto

Sonora come una sberla, la sconfitta del PD era nell’aria da tempo, ma analisti e politologi puntavano ad un bacino attorno al 20-21% delle preferenze: il 18 è un vero disastro. Un risultato così negativo non si registrava dal 1948

povertà 0

Hai detto povertà? Io ho la soluzione

Secondo l’Istat sono 4,7 milioni gli italiani che vivono in uno stato di povertà assoluta. Dopo anni di promesse e tentativi, nel 2017 l’Italia si è dotata di un primo strumento di contrasto. Ma la corsa al voto ci sta riservando altre novità

Da sinistra: Nello Musumeci, neo presidente della Sivilia, Matteo Salvini. Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi. (fonte immagine: corriere.it) 0

Sicilia, c’è chi vince (poco) e chi perde (tanto)

Geometrie variabili e nuovi esperimenti politici: la Sicilia laboratorio per le prossime elezioni politiche? E allora che venga detto: anche la sinistra italiana è stata infettata dal virus che già ha tramortito quelle europee. Ma non lo si vuole ammettere

Il presidente del Senato, Pietro Grassom alla festa di MDP. (fonte immagine: quotidiano.net) 0

Pietro Grasso leader di MDP? I numeri ci sono

Il presidente del Senato Pietro Grasso lascia il gruppo PD dopo le polemiche sulla nuova legge elettorale e per lui si apre la strada della candidatura a Presidente del Consiglio più a sinistra della sinistra. I fatti e i numeri

I candidati alle elezioni regionali in Sicilia 0

Della Sicilia et altre maraviglie politiche

A meno di due mesi dalle elezioni in Sicilia finalmente gli elettori sono a conoscenza dei nomi che si contenderanno la guida della bella isola. Vecchi e nuovi volti hanno rallegrato la torrida estate ma gli stessi siciliani non hanno ben inteso se il voto del prossimo 5 novembre avrà rilevanza nazionale o no

Partito personale sì o partito personale no: questo è il dilemma 0

Partito personale sì o partito personale no: questo è il dilemma

Dopo più di vent’anni e diversi colori politici, il modello del Partito personale sembra destinato ad andare in pensione. Al suo posto, la tanto elogiata democrazia partecipata e rappresentativa. Il fascino per l’Uomo forte al comando, però, sembra intramontabile