De Falco: “Il M5s ha una responsabilità storica, mai più con la Lega”

Il senatore Gregorio De Falco, fino al dicembre 2018 con il Movimento 5 Stelle e oggi nel gruppo misto, invoca alla politica di riprendere una rotta di civiltà

Il senatore Gregorio De Falco (immagine via theitaliantimes.it)

Senatore De Falco, a chi direbbe oggi “salga a bordo c***o?”
A nessuno, in quel caso la situazione era molto diversa. Quella era una nave già naufragata, questa qui, invece ha gli scogli a prua e potrebbe ancora cambiare rotta. Possiamo ancora correggere la rotta ed evitare l’impatto“.

Così l’ex senatore grillino Gregorio De Falco, diventato famoso in tutta Italia nel gennaio del 2012, quando dalla Capitaneria di Livorno coordinando i soccorsi intimò al Capitano della nave da crociera Costa Concordia di tornare a bordo dopo la collisione con gli scogli. Nell’ultimo giorno del governo Conte, De Falco, durante un duro intervento contro il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, gli ha fatto un gesto con la mano indicando “vai a casa”.
Al di là del gesto fatto nei confronti di Salvini, non è che la fine del governo possa essere di per se la soluzione. Il Movimento si deve rendere conto degli errori che ha fatto considerando alcune tematiche politiche della Lega, aderendovi in maniera acritica che ha portato l’Italia a un imbarbarimento dei rapporti civili. È una questione sociale e culturale. L’Italia oggi ha l’opportunità di fare un governo buono, ma anche di riprendere una rotta di civiltà che è stata abbandonata in maniera clamorosa“.


Il Movimento in queste ore è accusato di trattare ufficialmente con il Pd, lasciando l’uscio socchiuso alla Lega. Se fosse vero, si tratterebbe di un atteggiamento piuttosto cinico. Dal suo punto di vista cosa dovrebbe fare il Movimento?

In questo momento non vedo altro che un governo basato su una forza di maggioranza relativa e quindi il Movimento deve far valere la sua forza rispetto al PD e le altre forze. Tutto questo però deve scontare il fallimento del governo Conte che non sono gli errori di una persona, ma sono il portato di tutta un’azione politica disastrosa.

A cosa si riferisce in particolare?
I due decreti sicurezza sono segno di totale inciviltà. Non c’è dubbio che bisogna fare un passo indietro.

Il Movimento ha sbagliato a votarli?
Non c’è dubbio che abbia sbagliato e molti dei componenti dei gruppi parlamentari lo sanno benissimo. 

Come legge gli appelli di Salvini ad un governo bis?
Non può esistere una cosa del genere.

Il PD è da sempre acerrimo nemico del Movimento 5 Stelle, eppure oggi sembrano gli unici alleati possibili. Da incendiari stanno morendo pompieri?
Può darsi, ma il Movimento deve trovare una propria linea. Tanti anni fa è nato con dei principi solidaristici molto importanti e dovrebbe recuperarli. Noi dobbiamo notare che quello che abbiamo di fronte è un Movimento nato nel 2017 con l’associazione formata da Davide Casaleggio e Luigi Di Maio. Questo Movimento ha uno schema verticistico, totalmente opposto alle intenzioni. Il Movimento oggi può diventare qualunque cosa perché non ha uno scheletro e si adatta al potere. Spero che capisca che ha un compito e una responsabilità storica alla quale deve rispondere.   
Sara Dellabella

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: