#ConLaValigiaPronta: San Pietroburgo in pillole

Dopo qualche mese sabbatico, torna la nostra amatissima rubrica. Dall’ultimo articolo ci sono state alcune novità, tra cui l’arrivo del vaccino anti-Covid, che ci fa sperare in un futuro ricco di viaggi

Per questo dobbiamo prepararci e scegliere la meta perfetta per il viaggio dell’era post covid-19. #ConLaValigiaPronta è qui per aiutarvi!

Oggi torniamo in Russia: dopo la nostra visita a Mosca, il nostro viaggio si sposta verso San Pietroburgo. Conosciuta come “la Venezia del Nord” per i suoi canali, è la seconda città russa per dimensione.

Palazzo d’Inverno, sede del museo Hermitage.

Al contrario di Mosca, la città di San Pietroburgo è scampata ai piani architettonici dello stalinismo e conserva l’eredità dell’epoca zarista. Ne è un esempio il palazzo dell’Hermitage: la collezione del museo si trova all’interno del Palazzo d’Inverno, ex residenza degli zar e capolavoro dell’arte architettonica.

Nota personale: data l’impossibilità di visitare il museo nella sua totalità, vi consiglio l’area dedicata all’arte italiana.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se amate l’architettura, San Pietroburgo fa al caso vostro! Passeggiando lungo la via principale, la Prospettiva Nevskij, noterete sicuramente la Casa Singer, chiamata anche Casa dei libri. Si tratta della libreria più grande della città.

Fate attenzione uscendo dalla Casa dei Libri, in quanto potreste trovarvi a Roma senza neanche accorgervene. Esattamente di fronte alla libreria si trova la Cattedrale di Kazan’, la cui architettura ricorda la Basilica di San Pietro.

Lasciamo la Prospettiva Nevskij per addentrarci lungo i canali della città. Proprio sul canale Gribaedova (che attraversa la città e la Prospettiva) troviamo la Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato (ufficialmente Cattedrale della Resurrezione di Cristo). Non fatevi scoraggiare dal nome altisonante e vagamente cupo, l’interno della chiesa è un trionfo di colori e bellezza.

Se invece amate i panorami mozzafiato (e non soffrite di vertigini) la cupola della Cattedrale di Sant’Isacco fa al caso vostro: dopo qualche rampa di scale – vi consiglio di arrivare allenati – la città si aprirà ai vostri occhi in tutta la sua bellezza.

Il periodo ideale per visitare San Pietroburgo (e la Russia in generale) è sicuramente l’estate. Questo non solo per il clima estremamente rigido (d’inverno c’è il pericolo di caduta ghiaccio dai tetti), ma anche per poter godere dei giardini della città. Degno di nota sono sicuramente il Giardino d’Estate, non lontano dal Palazzo d’Inverno. Situato sulle rive del fiume Fontanka, la caratteristica peculiare del giardino è la presenza di un vasto complesso di sculture, principalmente di arte veneziana.

Se l’Hermitage è il Louvre della Russia, la reggia di Peterhof è sicuramente la sua Versailles. Fuori dal centro di San Pietroburgo, Peterhof era una delle residenze dello zar, situata sul Golfo di Finlandia. Raggiungibile in autobus o in battello (quest’ultimo personalmente consigliato, per comodità e suggestione), la tenuta si estende per chilometri di giardini con fontane e sentieri.

Nota: forse un caso isolato, ma quando visitai Peterhof ci fu uno spettacolo pirotecnico, quindi se passeggiando beatamente sentite improvvisamente dei botti, non preoccupatevi.

Amanti della storia è il vostro turno. Camminando lungo la Neva vi imbatterete nell‘Aurora, l’incrociatore costruito per la guerra russo-giapponese, che nell’ottobre 1917 diede il segnale per la conquista del Palazzo d’Inverno.

Rimanendo in tema storico, non perdetevi una visita alla Bastiglia russa. La fortezza di Pietro e Paolo è la cittadella strategica di San Pietroburgo. All’interno della fortezza troviamo la cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (in cui sono sepolte le spoglie dei Romanov), il mausoleo dei Granduchi, il Museo storico di San Pietroburgo e il Museo dello spazio e della tecnologia missilistica. Il Bastione Trubetskoy, inoltre, fu la prigione di personaggi principalmente politici come Fëdor Dostoevskij, Maksim Gorky, Michail Bakunin, Lev Trotski o Josip Broz “Tito”.

Questa è solo una piccolissima parte delle bellezze che la città di San Pietroburgo offre, il resto dovete scoprirlo voi!

Buon viaggio (virtuale) e mi raccomando: state sempre #ConLaValigiaPronta!

Arianna Volpini

Immagine di copertina via facebook.com/BettyMacleanTravel

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: