“Dunkirk” di Christopher Nolan: un ticchettio costante verso la salvezza

In Dunkirk, film sulla storica battaglia di Dunkerque raccontata dal regista di “Interstellar”, si intersecano tre linee narrative, tre elementi naturali in cui immergersi al ritmo sincopato della sopravvivenza

Dunkirk tra terra, mare e cielo

Dunkirk tra terra, mare e cielo (fonte immagine: bollywoodlife.com)

Se c’è una cosa che non manca mai dopo la visione di un film di Christopher Nolan è quella sensazione aleatoria ma persistente di qualcosa che non manca ma sfugge allo spettatore, qualcosa che il regista ha posato tra una scena e l’altra, tra uno sguardo e un’impennata della colonna sonora e che prima o poi salterà fuori ma che, al momento dei titoli di coda, ci farà rimanere a pensare senza sapere bene a cosa. “Dunkirk non fa eccezione.

La storia è quella della settimana compresa tra il 29 maggio e il 4 giugno 1940: dopo aver violato della neutralità di Belgio, Olanda e Lussemburgo, le truppe tedesche spingono verso il mare i reparti francesi e belgi e l’intero corpo armato inglese, che si trovano ingabbiati e in balia dei bombardamenti aerei.

Una settimana, tre diverse linee narrative, alle quali Nolan dà un titolo e una durata: il molo (una settimana, 29 maggio – 4 giugno), il mare (un giorno), il cielo (un’ora).
Terra, acqua e aria. Tre elementi di base per tre piani narrativi che partono separatamente e che si intrecciano gradualmente, fino a sovrapporsi, così come i protagonisti che vi sono immersi.
In questo modo Nolan riesce a mostrare contemporaneamente l’azione delle truppe e il contributo dell’aeronautica e dei civili che hanno messo le proprie imbarcazioni private a disposizione della marina britannica.

Tutto è vincolato al tempo, l’altro nemico che incombe su “Dunkirk e contro il quale non è per niente semplice prevalere.
Il ticchettio ansiogeno della lotta tra tempo e speranza di sopravvivenza emerge delicatamente dalla colonna sonora ancora un volta affidata al compositore tedesco Hans Zimmer – già fidato collaboratore di Nolan in “Batman Begins” (2005), “Il cavaliere oscuro” (2008), “Inception” (2010), “Il cavaliere oscuro – Il ritorno” (2012), e
“Interstellar” (2014) – ed entra subdolamente nelle scene e nella testa dello spettatore fino ad esplodere.

La narrazione alterna momenti frenetici sottolineati da rapidi cambi d’immagine e dalle note sincopate della colonna sonora a scene più statiche, quasi lente. In realtà è proprio attraverso lo svolgimento cadenzato degli eventi che Nolan riesce a trasmettere ogni singola esperienza emotiva, ogni sfumatura dell’umanità dei personaggi.

Ben oltre una semplicistica narrazione storica, è sullo sguardo di ogni singolo personaggio che si concentra l’intero film, sia in senso figurato che fisico: è lo sguardo di Mr. Dawson (Mark Rylance) a far capire al figlio Peter (Tom Glynn-Carney) di aver agito bene, sono gli occhi di Tommy (Fionn Whitehead) e Gibson (Aneurin Barnard) a comunicare la nascita estemporanea di una fratellanza che li accompagnerà fino alla fine, è la mimica facciale del volto coperto di un inconfondibile Tom Hardy a conferire carattere al pilota Farrier.

Saranno questi e altri sguardi, come in un immenso puzzle, a ricostruire la storia della battaglia di Dunkerque e a dare vita al film stesso.

Anche per questa ragione i dialoghi non sono il fulcro di “Dunkirk”.
Scarseggiano? Assolutamente no. In realtà sono giusti, né molti né pochi. Di sicuro non ci può aspettare un trattato di epistemologia da un film che ha come intento principe quello di mostrare un episodio storico.

È ovvio che Nolan abbia scelto di lasciare la parola alle immagini e alle azioni in medias res, ma anche alle ‘non azioni’ di molti personaggi: ai loro sguardi, ai loro silenzi, al loro fiato sospeso.

Christopher Nolan sul set di Dunkirk

Christopher Nolan sul set di Dunkirk (fonte immagine: trbimg.com)

Insomma, se di sicuro siamo di fronte a un Nolan diverso, meno sorprendente forse, che non riesce coinvolgere e sconvolgere come in “Inception” o in “Interstellar”, a prendere in ostaggio l’emotività dello spettatore durante e dopo la visione, c’è da dire che “Dunkirk non è il solito film di guerra e va visto anche attraverso il filtro emotivo di quel perenne ticchettio verso la salvezza.

Ed è qui che si ritrova la firma del regista, in quell’eccitante connubio tra ritmo da film d’azione e umanità. In questo caso, l’umanità di un antieroismo, di una sopravvivenza vissuta come una colpa dai soldati, eppure così preziosa.

Alessandra Giannitelli

Alessandra Giannitelli

Sono nata nell’agosto del 1983 e non sono ancora riuscita a scrollarmi di dosso la forte attrazione per tutto ciò che riguarda le storie e la scrittura. Dopo aver conseguito la laurea in Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma, ho iniziato a muovere i primi passi nella stesura di recensioni di libri e di eventi culturali per diverse testate on-line come Oltrepensiero (per la quale ho curato la rubrica Godot), Bibliomanie, Leggere:tutti, L’immaginazione e La stanza di Virginia. Nel 2010, dopo aver svolto uno stage presso la Biblioteca Italiana dell’Università “La Sapienza” di Roma, mi sono specializzata nella correzione, revisione ed editing di racconti, romanzi, tesi di laurea, studi e singoli articoli e nel 2015, a seguito del corso di formazione editoriale presso Herzog, ho collaborato con Editori EIR nella correzione ed editing del libro Il mito del sacrificio rigenerante di Alessandro Mariotti. Dopo anni di racconti inviati a vari concorsi e pubblicati in diverse antologie, nel 2014 ho finalmente portato a termine la mia prima narrazione lunga, Quanto dura il sempre, attualmente in attesa di un editore. Da settembre 2016 gestisco il blog Quantodurailsempre.com, attraverso il quale provo a parlare delle letture e delle esperienze culturali che riguardano la mia quotidianità, e faccio parte della redazione culturale di Ghigliottina. Attualmente insegno Lettere ai ragazzi delle scuole medie e continuo a lavorare affinché la mia passione per la scrittura e per l’editoria si concretizzino in nuove esperienze.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: