Diversità = opportunità: il “lavoro” nei dati dell’Unar

Rispetto al 2012 le discriminazioni sul lavoro sono in diminuzione, ma nel 2013 esistono ancora. Le vittime non sono più solo donne, stranieri, disabili e omosessuali: adesso, le discriminazioni si applicano in base all’ “età” dei candidati

di Guglielmo Sano

stock-photo-discrimination-creative-concept-grunge-as-a-art-319917971Non sono tempi semplici per chi cerca lavoro: a una “crisi” di cui non si vede ancora il termine, si devono aggiungere le quotidiane e diffuse discriminazioni nel contesto lavorativo – in particolare se i lavoratori sono donne, stranieri, disabili e omosessuali. Sempre se si riesce a trovarlo un lavoro. Insomma, nessuna novità; se non fosse che, secondo i dati raccolti dall’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar), anche l’età dei candidati a una posizione lavorativa sembra diventato un fattore discriminante.

Secondo l’Unar la percentuale delle discriminazioni sul lavoro è in diminuzione rispetto al 2012, ma resta comunque alta. “Il mondo del lavoro è sempre stato un contesto discriminatorio”, ma le denunce rispetto nel 2013 si sono dimezzate – passando dal 35% al 16%, “grazie all’azione sul territorio di numerose associazioni e organizzazioni che si sono fatte promotrici di concrete operazioni positive di sensibilizzazione e integrazione lavorativa”. Quest’anno, risulta dai dati Unar, la maggior parte delle discriminazioni si sono svolte sulle frequenze dei mezzi di comunicazione di massa (26,2%).

Seguono il mondo dei mass-media, quello della vita pubblica, col 21,1%, e naturalmente quello del lavoro. “Sono ancora in vigore regi decreti del 1935 che vietano alle persone straniere di accedere ai concorsi nel settore infermieristico e nell’ambito dei trasporti pubblici” – spiegano dall’Unar – inoltre, come ci si poteva aspettare, oltre il 65% (41,9% dal Nord-Est, 23,7% dal Nord-Ovest, ndr) delle denunce in ambito lavorativo arriva dal Nord Italia “più inquadrato nella regolarità, risulta più sensibile, al Sud, invece, esistono maggiori irregolarità e la gente denuncia molto meno (9,6%, ndr)”.

Il 37,7% delle denunce è dovuto a discriminazioni basate sulla razza/etnia del lavoratore, il 6,5% sul genere, il 5,6% sulla disabilità, 1,6% sull’orientamento sessuale e la religione. Il dato più preoccupante che emerge dai dati, però, è che il 47,8% delle denunce è dovuto a discriminazioni dovute all’età. La maggior parte delle discriminazioni avviene al momento dell’accesso al lavoro, quasi il 72%, soltanto il 4,1% riguarda le condizioni lavorative, per quanto riguarda la retribuzione e il “mobbing” ad opera di colleghi le denunce si fermano al 2,3%.

Sul fronte della lotta alle discriminazioni sul lavoro, ultimamente, si sta distinguendo la Fondazione Sodalitas: quest’ultima si sta mostrando particolarmente attenta alle istanze di disabili, stranieri e transgender – inoltre ha curato anche la diffusione dei dati dell’Unar durante la presentazione del progetto “Diversitalavoro ‘14″, al quale partecipano anche Fondazione Adecco per le Pari Opportunità, People e l’Unar stesso . Il 6% dei partecipanti al progetto nel 2013 è stato inserito con successo nel mondo lavorativo.

Nel 2013 hanno partecipato ai 3 Career Forum Diversitalavoro oltre mille candidati selezionati, che hanno sostenuto presso le 40 aziende presenti più di 16mila colloqui. I candidati in queste occasioni sono stati soprattutto uomini (53%) iscritti alle categorie protette (85%) e laureati (71%) prevalentemente in discipline economiche (23%). Le persone con disabilità, le persone iscritte alle categorie protette, le persone di origine straniera e le persone transgender in cerca di lavoro possono sin d’ora accedere al sito www.diversitalavoro.it e consultare le offerte che le aziende aderenti al progetto pubblicheranno in vista dei 4 Career Forum 2014 in programma a Napoli (5 marzo), Milano (5 giugno), Roma (27 novembre) e, per la prima volta, Catania (13 marzo).

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: