Basket: Virtus Roma ko in casa con Cantù

Sconfitta 80-82 dopo un tempo supplementare per l’Acea, capace durante la partita di passare dal -11 al +9, recuperata poi da Jenkins e compagni. Per coach Dalmonte fatali i possessi alla fine di ogni periodo

di Graziano Rossi
su Twitter @grazianorossi

Logo_Virtus_Roma.-sito-300x155Arriva la seconda sconfitta consecutiva in campionato per la Virtus Roma, che nell’esordio al Palazzetto dello Sport dopo la squalifica del campo cede 80-82 alla Pallacanestro Cantù dopo un tempo supplementare.

I ragazzi di Luca Dalmonte, pessimi nei 7’ iniziali (6-17), alla fine del primo quarto recuperano fino al 14-17 grazie a un parziale di 8-0 che dà respiro a Jordan Taylor e compagni.  Parziale che sale fino all’11-0 di inizio secondo periodo grazie a una tripla di Jimmy Baron, interrotto prima da Jones e poi da Uter, autore di 4 punti in fila (17-23). Fino all’intervallo lungo il risultato sarà sempre in bilico, soprattutto a causa dei troppi tiri sbagliati da entrambe le squadre.

A fine primo tempo il tabellone segna 31-31 ma se c’è una squadra che ha da recriminare per il proprio atteggiamento è proprio Roma. Quinton Hosley va a fasi alterne (anche se alla fine per lui ci saranno 17 punti) e l’attacco si regge sul solo Jordan Taylor, che nei 45 minuti di partita metterà a referto 19 punti, 7 assist e 8 falli subiti.

Dall’altra parte è Michael Jenkins il folletto che fa impazzire la difesa della Virtus. L’MVP della partita segna  22 punti con un 8/14 dal campo che sarà decisivo per la squadra di Pino Sacripanti, mai doma anche sul -9 (42-33 al 24’) dopo una schiacciata di Mbakwe.

Da questo momento in poi Cantù, possesso dopo possesso, si riavvicina all’Acea, con Stefano Gentile (14 punti e 5 assist) che a inizio ultimo quarto, quando la Virtus è ancora avanti di 6 (55-49), si inventa tre triple consecutive che consegnano agli ospiti il nuovo vantaggio. L’Acea si riavvicina subito con un’altra schiacciata di Mbakwe ma prima una tripla di Jones e poi una schiacciata di Cusin fanno scappare Cantù sul +6 al 34’ (57-63).

Si arriva così all’ultimo giro di lancette: la Virtus recupera fino al 68-68 grazie a due liberi segnati da Phil Goss, dall’altra parte un nuovo tentativo dalla distanza di Gentile non va a bersaglio e si va allora al tempo supplementare.

Nell’overtime la tensione la fa da padrone, le squadre sono stanche ma Roma lo è ancora di più. Le triple di Jimmy Baron e Jordan Taylor fanno ben sperare (75-75 al 44’) ma Cantù è cinica e chiude la partita con il suo capitano Maarten Leunen. Negli ultimi secondi i tiri liberi limano il risultato, che alla fine sarà di 80-82 per gli ospiti.

Queste le parole di Luca Dalmonte in conferenza stampa dopo il match: “C’è una nostra responsabilità, se avessimo gestito meglio alcuni degli ultimi possessi sarebbe stata una partita diversa: nella gestione di quelli alla fine del secondo, del terzo e del quarto periodo, dobbiamo fare mea culpa. Dovendo parlare di una partita fatta di episodi, come successo anche dopo Avellino, dobbiamo distinguere i primi venti minuti in cui abbiamo fatto fatica a livello offensivo perché troppo propensi a cercare soluzioni immediate, lasciando stagnare la palla sul lato e affidandoci a iniziative individuali, dai secondi venti minuti. In difesa abbiamo prodotto buone cose, ma il dato di 16 rimbalzi concessi solo nel primo tempo ci ha condannato. Abbiamo fatto il break quando a rimbalzo difensivo siamo migliorati per poi andare in contropiede. Massima responsabilità nostra riguardo possessi e rimbalzi , due elementi che hanno deciso in modo importante la gara”.

Mercoledì 6 novembre la Virtus Roma giocherà il quarto turno di Eurocup in casa degli spagnoli del CAI Zaragoza, che nella quarta giornata del campionato ACB hanno asfaltato il Manresa per 89-52.

Acea Virtus Roma – Pallacanestro Cantù 80-82 dts (14-17; 17-14; 24-21; 13-16; 12-14)
Acea Virtus Roma: Taylor 19, Hosley 17, Baron 14, Mbakwe 13, Goss 7, Eziukwu 4, Ignersky 3, D’Ercole 3.
Pallacanestro Cantù: Jenkins 22, Gentile 14, Leunen 10, Cusin 9, Uter 9, Ragland 9, Jones 7, Abass 2.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 9 Novembre 2013

    […] subito la striscia negativa tra coppa e campionato. Lo stop di domenica scorsa al supplementare contro Cantù ha evidenziato dei problemi in casa Acea soprattutto nella gestione degli ultimi minuti di […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: