Basket: Acea Roma subito ko in gara-1

Siena vince in casa della Virtus (85-76) il primo match della finale scudetto grazie ad una grande prova al tiro da tre. Calvani: “Imbarazzanti in difesa”

di Samuele Perotti
@SamuelePerotti

Jordan Taylor, il migliore della Virtus Roma (fonte immagine: corriereromano.it)

Jordan Taylor, il migliore della Virtus Roma (fonte immagine: corriereromano.it)

Non bastano all’Acea un Palazzetto calorosissimo e il solito cuore per battere in gara-1 della finale scudetto la Montepaschi Siena. I toscani approfittano di una serata di grazia al tiro dal perimetro (13/26) e delle condizioni psico-fisiche di un arrestabile Hackett per strappare da subito il fattore campo ai romani.

Nonostante una buona prova la Virtus non ha mai avuto in mano la partita ed è mancata in difesa, come sottolinea coach Calvani: “Se noi difendiamo in questo modo non andiamo da nessuna parte. Difensivamente siamo stati imbarazzanti e così non possiamo pensare di vincere contro una squadra come Siena”.

La Virtus come troppe volte è successo parte male. Brown è implacabile dall’arco (2/3 nei primi 10’, 4/8 alla fine per lui, che chiuderà con 17 punti) e così Siena vola sul +10 (4-14). Trascinata da un ottimo Jordan Taylor l’Acea si rifà sotto e chiude il primo periodo sul 17-20. Il play americano riprende da dove aveva lasciato con Cantù: inarrestabile in penetrazione, sa anche mettersi a disposizione dei compagni: 15 punti e 3 assist.

Il secondo quarto è intenso ed equilibrato. Le due squadre si scavalcano continuamente e all’intervallo lungo si va sul 34-36. Gli uomini di Calvani faticano in attacco ma grazie ad una maggiore aggressività difensiva mettono in difficoltà i rivali. Fondamentale in questo è Lorenzo D’Ercole, l’unico in grado di arginare i play avversari: “Dobbiamo essere più aggressivi sul pick and roll e questa è la cosa assolutamente da migliorare”.

Phil Goss, dopo le splendide prove con Cantù, fatica a trovare la precisione al tiro e a far girare la squadra. Così latita per molti minuti ed emerge solo a giochi fatti: 16 punti e 4 assist. A preoccupare più di tutto però è la sua prova difensiva; la stanchezza inizia a farsi sentire e lo statunitense è meno aggressivo e puntuale del solito.

Il terzo quarto inizia in ritardo a causa di un problema tecnico ai cronometri dei 24″ posti sopra i canestri. Nonostante la pausa, i restanti 20′ si giocheranno con il tavolo degli arbitri che alza i cartellini numerati per segnalare lo scorrere dei secondi di possesso palla.

Daniel Hackett, mvp di gara-1 (fonte immagine: media.melty.it)

Daniel Hackett, mvp di gara-1 (fonte immagine: media.melty.it)

Il prolungato riscaldamento non blocca le due squadre, che continuano a sfidarsi sul filo dell’equilibrio. La Virtus si accende a fiammate, soprattutto quando viene coinvolto l’asse play-pivot. Purtroppo per Calvani però, gli arbitri fischiano in meno di un minuto il 2° e 3° fallo a Gani Lawal, che è costretto a sedersi in panchina. La Montepaschi ne approfitta e grazie ad una prova equibrata e ad un Moss implacabile da 3 (5/8 al 30’ per lui, che chiuderà con 20 punti) va all’ultimo intervallo sul 62-56. L’entusiasmo si Czyz non basta a sostituire un Lawal fondamentale sotto canestro: 17 punti, 8 rimbalzi e 2 stoppate.

Nell’ultimo periodo Siena mette la strada in discesa ancora con il tiro dall’arco. Le bombe di Kangur, Moss e Hackett (18 punti e 10 assist) portano gli ospiti sul massimo vantaggio (60-73). Roma prova ad accorciare ma affidarsi al solo Lawal non basta. Nonostante gli sforzi l’Acea non torna mai sotto al -10 e alla sirena il punteggio dice 76-85.

Oltre a Goss, a mancare ieri sera sono stati gli altri due uomini d’esperienza Bobby Jones e Gigi Datome. L’americano parte bene ma poi torna quello della regular seaon: sbaglia molto e si innervosisce (9 punti con 4/11 dal campo e 6 rimbalzi). Il capitano invece non è ancora al top, lotta e si applica, come dimostrano i 9 rimbalzi, ma in fase realizzativa è ancora poca cosa: 7 punti con 3/7 dal campo.

Nulla è perduto per la Virtus Roma che già in passato si è saputa rialzare da brutte sconfitte. La Montepaschi ha alcuni elementi in grandi condizioni e un roster più profondo, ma con una grande prova di squadra e un pizzico di fortuna l’Acea potrà provare a pareggiare la serie già domani sera (20.15, Rai Sport 1). Marco Calvani indica la strada da seguire: “Siamo 0-1, ora dobbiamo rifare con forza quello che ci ha permesso di arrivare fin qui”.

Acea Virtus Roma-Montepaschi Siena 76-85 (17-20; 34-36; 56-62)

Acea Roma: Goss 16, Jones 9, Tambone ne, Tonolli ne, Gorrieri ne, D’Ercole 3, Datome 7, Bailey 3, Taylor 15, Lawal 17, Czyz 3, Lorant 3. All. Calvani
Montepaschi Siena: Brown 17, Eze 8, Carraretto 2, Rasic 2, Kangur 3, Sanikidze 2, Ress 5, Ortner 8, Lechthaler ne, Hackett 18, Christmas, Moss 20. All. Banchi

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 14 Giugno 2013

    […] lungo sul 24-33. Tra le difficoltà cerca di emergere Taylor. Il play è meno brillante di gara-1 ma resta un punto di riferimento per i compagni: 10 punti e 6 […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: