Formula 1: in Bahrain è assolo Mercedes

Hamilton taglia per primo il traguardo seguito dal compagno Rosberg. Disastro Ferrari: Alonso e Raikkonen solo nono e decimo

di Marina Cavaliere
su Twitter @CavaliereMarina

podio bahrain 2014Cosa rimane del Gp del Bahrain? L’evidente superiorità delle Mercedes, che collezionano un successo dopo l’altro e l’altrettanto visibile disastro delle Ferrari, che proprio non riescono a essere neanche un pensiero per gli avversari.

Sotto le luci della pista del Sakhir, Lewis Hamilton e Nico Rosberg hanno offerto bravura e spettacolo, battagliando tra loro dall’inizio, quando l’inglese ha con esperienza rubato il primo posto al compagno di scuderia, alla fine, quando Rosberg ha tentato in ogni modo di scavalcare l’amico-avversario e vincere la gara. In ogni caso è un successo su tutta la linea per la scuderia tedesca, che piazza ancora una volta entrambi i piloti sul podio e ai vertici della classifica mondiale.

Nico è andato forte per tutta la corsa. Abbiamo lottato duro, ma sempre in modo corretto. Nel finale ho faticato a tenerlo dietro, perché aveva un piccolo vantaggio con le gomme ed era più veloce. È stato divertente, ma in pista c’era tanta pressione. Quindi sono orgoglioso di aver vinto, è la mia prima volta qui e la prima notturna del Bahrain. Fantastico”, ha dichiarato Hamilton a fine gara.

Il Gp numero 900 della storia della Formula 1 però si è rivelato molto più spettacolare degli altri, con tanti sorpassi e colpi di scena, uno tra tutti l’incidente tra Gutierrez e Maldonado. Il pilota della Sauber, speronato dalla Lotus dell’avversario, è finito per qualche istante a testa in giù provocando un più che giustificato spavento a chi guardava. Illeso ma gara finita per il messicano e safety car in pista. Chi probabilmente ha tratto più benefici dalla situazione è stato Sergio Perez sulla Force India, che così riesce, anche se con 20” di ritardo da Rosberg, a salire sul terzo gradino del podio.

Segue in quarta posizione la prima Red Bull, quella di Daniel Ricciardo, autore di una gara spettacolare: partito tredicesimo ha sorpassato chiunque, anche il compagno quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel che invece non è andato oltre il sesto posto a causa, si dirà dopo, di un problema al DRS.

podio bahrain 2014Tra le due Red Bull l’altra Force India di Hulkenberg,mentre la settima e ottava casella sono state occupate dai due piloti Williams, Massa e Bottas che, come i più noti avversari della Mercedes, sono stati protagonisti di una battaglia in casa che ha visto però alla fine trionfare il brasiliano.

E le Ferrari? Un disastro. Chiudono la top ten con Alonso nono e Raikkonen decimo. Mai in gara, troppo lente a confronto con chiunque, hanno disputato una delle gare più brutte sotto gli occhi di Piero Ferrari e del presidente Montezemolo che, mentre abbandona il circuito prima della fine, confessa:  “Vedere una Ferraricosì lenta sul rettilineo mi dà dolore. Dobbiamo lavorare, bisogna che i motoristi ci mettano una marcia in più. Abbiamo diverse cose da provare in settimana, ma non mi piace vedere la Ferrari in questa posizione”.

Ovviamente poco soddisfatto anche Fernando Alonso: “È andato tutto bene: partenza, pit stop, strategia ma non siamo ovviamente soddisfatti del livello di performance. Abbiamo molto da lavorare ma sono convinto che i test di martedì e mercoledì qui saranno già molto utili”.

Se saranno utili o meno lo scopriremo già il 20 aprile, quando la F1 si sposterà in Cina per il prossimo Gran Premio.

(fonte immagini: formula1.com)

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: