Fotografia a processo

E’ possibile stabilire un confine netto e deciso tra fotografie “accettabili” e fotografie che sfruttano disastri e tragedie?