Ondate di calore: alcuni consigli di Save The Children per tenere al sicuro i bambini

Save The Children Italia ha pubblicato una serie di suggerimenti per aiutare i più piccoli in quella che è una delle estati più calde di sempre nel nostro paese.

Temperature torride, mancanza di pioggia, situazioni sociali delicate. La crisi climatica che stiamo vivendo colpisce tutti, ancor di più le cosiddette fasce più “deboli”, come anziani e bambini. Nel settembre 2021, alla vigilia della Pre-Cop26, Save The Children pubblicò un rapporto realizzato in collaborazione con un team internazionale di ricercatori sul clima guidati dalla Vrije Universiteit Brussel (VUB) e pubblicato sulla prestigiosa rivista Science.

I dati, purtroppo, sono allarmanti: secondo il dossier “Nati in crisi climatica” i bambini nati nel 2020 saranno esposti alle ondate di calore eccessivo in media sette volte di più rispetto ai loro nonni nati nel 1960 (con punte di 18 volte in più in Afghanistan), colpiti 2,6 volte in più dalla siccità, 2,8 volte in più dalle inondazioni dei fiumi, quasi 3 volte in più dalla perdita dei raccolti agricoli (con punte di 10 volte in più come in Mali), e dal doppio degli incendi devastanti.

1. Non lasciare mai i bambini senza sorveglianza nelle auto parcheggiate

Anche con temperature meno pericolose, i veicoli possono riscaldarsi rapidamente fino a raggiungere temperature pericolose. Un bambino lasciato all’interno di un’auto è a rischio di gravi malattie legate al calore o di morire, anche se i finestrini sono aperti.

2. Rimanete informati

Ascoltate i notiziari locali e i canali meteorologici per gli aggiornamenti relativi alla salute, alla sicurezza e alle condizioni atmosferiche, compresi gli allarmi per il calore e i bollettini. Inoltre, prestate attenzione alle indicazioni delle autorità locali.

3. Abbigliamento leggero e protezione solare alta

Scegliete tessuti leggeri, chiari e traspiranti, come il cotone, e una crema solare ad alto livello di protezione dai raggi UVA e UVB per proteggere voi e il vostro bambino dal caldo e dai potenziali danni alla pelle causati dal sole. Per limitare l’esposizione solare, è indicato usare cappelli e ombrelli.

4. Bevete molti liquidi

Ricordate di bere molti liquidi, indipendentemente dall’intensità delle vostre attività. Controllate che nel pannolino del vostro bambino non ci siano urine concentrate o di colore scuro, che possono indicare disidratazione. I liquidi devono essere bevuti prima, durante e dopo l’esposizione al caldo estremo. Evitate anche i pasti caldi poiché potrebbero aumentare il calore corporeo.

5. Saper identificare le malattie legate al calore

Imparare a conoscere i sintomi e i segni delle malattie legate al caldo, come il colpo di calore, l’esaurimento, i crampi e le scottature gravi. Se i bambini presentano questi sintomi, rivolgersi immediatamente a un medico. Per un elenco completo delle condizioni di salute causate dall’esposizione al calore estremo e per sapere come porvi rimedio, è bene consultare il dipartimento sanitario locale.

6. Intrattenere i bambini

I bambini possono diventare ansiosi o irrequieti a causa della permanenza in casa. Pianificate attività e giochi al chiuso. Giocare in una piscina per bambini è un buon modo per tenerli al fresco.

7. Rassicurare i bambini

I bambini possono essere spaventati o stressati dagli effetti del caldo, come la vista di animali morti. Ricordate che i bambini prendono ispirazione dai genitori e da chi si prende cura di loro, quindi cercate di mantenere la calma e di rispondere alle loro domande in modo aperto e sincero. È bene inoltre rispettare regolarmente degli orari per il bagno e il sonno dei bambini.

8. Cercare riparo in luoghi freschi

Durante il giorno, mantenete gli ambienti freschi chiudendo le tende, soprattutto nelle stanze maggiormente esposte al sole. L’uso di un ventilatore per far circolare l’aria nella stanza è utile.

9. Riposare molto

Le attività faticose dovrebbero essere ridotte, eliminate o riprogrammate nelle ore più fresche della giornata. Assicuratevi che i bambini e le bambine prendano delle pause per riposare durante le loro attività.

10. Prestare particolare attenzione alle esigenze dei bambini

Fate al bambino o alla bambina un bagno fresco prima di andare a letto, riducete al minimo l’abbigliamento notturno e se essi scalciano via le coperte durante la notte, prendete in considerazione l’idea di fargli indossare solo un pannolino con un unico lenzuolo ben fissato, che non si allenti, che non copra il viso e non si impigli durante la notte. I bambini e le bambine dormono più comodamente a una temperatura compresa tra 16 e 20°C; un termometro da cameretta vi aiuterà a monitorare la temperatura della loro stanza.

Immagine di copertina via facebook.com/osservatoriosalesianominori

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: