Virtus Roma, facile esordio. Vittoria con Cassino per 86-71

Non delude le attese la Virtus Roma nella prima gara della stagione. Nel ritrovato Palalottomatica sono Moore e Sims ad abbattere la resistenza di Cassino

virtus roma

©Marta Bandino | Ghigliottina

Esordio vincente per la Virtus Roma, che nella 1ª giornata della Serie A2 2018-19 supera Cassino per 86-71 nella cornice del ritrovato Palalottomatica. I capitolini, attesi da una stagione da assoluti protagonisti, mettono subito in mostra il loro potenziale, tra l’indomabile Sims ed il ‘cervello’ Moore a determinare il gioco di squadra.

La sezione tricolore guidata dal trio SaccaggiSantiangeliLandi completa il pacchetto dei romani, che guidano in scioltezza le operazioni fino ad un fisiologico calo che anima l’ultimo quarto di gioco. Cassino tenta l’impossibile rimonta, ma i padroni di casa sbarrano la strada: Roma si va a prendere il successo e settimana prossima sarà attesa da Bergamo, reduce da un’inattesa vittoria sul campo della quotata Scafati.

LA PARTITA – Il campionato della Virtus Roma si inaugura con i liberi di Sims, al cospetto di una Cassino che nei minuti iniziali si dimostra combattiva. Jackson ed Ingrosso tengono i rossoblu a contatto dei capitolini (7-10), ma quando Sims e Landi forzano i ritmi sotto canestro Roma tenta un primo allungo (18-13). Chessa e Santiangeli regalano un vantaggio in doppia cifra (25-15), corretto da Moore per il 27-17 del 10’.

Roma non toglie il piede dall’acceleratore e con un incontenibile Sims vola sul 41-27. Cassino barcolla e trova punti per provare a ridurre il distacco solamente con capitan Bagnoli (41-31). Bucchi chiama timeout ed è Baldasso a ridare slancio ai suoi, che con la tripla di Saccaggi chiudono il primo tempo avanti 51-33.

virtus roma

©Marta Bandino | Ghigliottina

Inizio di seconda metà di gioco che vede i capitolini condotti da Saccaggi (59-38), prima che un piccolo passaggio a vuoto costi ai ragazzi di Bucchi un “tentativo” di ritorno di Cassino con Raucci e Pepper (65-51). Ma a Roma basta un lampo per riaccendersi, e con Sims e Santiangeli riprende il largo, fino al 73-55 con cui si chiude la terza frazione di gara.

Ma Cassino non si arrende e trascinata da Ingrosso prova a recuperare di nuovo, fino al 77-65. Come dicevamo, a Roma però basta un lampo per riaccendersi: e sarà la stoppata di Sims con relativa tripla in transizione di Moore a suggellare il successo dei padroni di casa, che portano a casa il match per 86-71.

IL COMMENTO – Un esordio più comodo non poteva esserci per la Virtus Roma, che apre la sua stagione 2018/19 domando i corregionali di Cassino all’interno delle ‘antiche’ mura del Palalottomatica. Un nuovo inizio per i romani, che forti del ritorno in quello che fu il teatro di tanti successi in passato, regalano ai propri tifosi la prima gioia di quest’annata.

Un roster tra i più accreditati della categoria ed il tentativo di rilancio di un brand dall’enorme potenziale, abbinati ad una rinnovata e solare strategia comunicativa, sono i biglietti da visita di una Virtus Roma che se saprà esprimere il proprio gioco, mantenendo i nervi saldi nel corso dell’intera stagione, potrà realmente ambire alla promozione in Serie A.

virtus roma

©Marta Bandino | Ghigliottina

Ciò che si è visto quest’oggi è perfettamente in linea con le attese, con una squadra profonda, competitiva e ben coperta in ogni ruolo, ma che ha ancora ampi margini di crescita ed aspetti su cui integrarsi. L’asse Moore-Sims appare tra i più solidi dell’intera A2: il play ex Brindisi, al netto di qualche evitabile forzatura, fa sempre la cosa giusta, mentre il centro ex Cremona si rivela letteralmente “immarcabile” con i suoi tentacoli che afferrano ogni pallone graviti intorno alla sua orbita (24 punti e 15 rimbalzi).

Un ottimo Santiangeli ha dato la prima ‘svolta’ odierna ai suoi, forzando i ritmi in difesa dopo i primi minuti di apnea collettiva, con Landi protagonista imprescindibile su ambo i lati del campo ed un Saccaggi che dà fluidità alla manovra capitolina. Ma dovrà essere tutta la pattuglia italiana a dover crescere nel corso della stagione, per manifestarsi come quella variabile positiva che farà alzare a Roma l’asticella verso l’alto.

Il calo avuto nella seconda parte di gara non desta preoccupazioni e sarà motivo di lavoro per coach Bucchi in settimana, sotto il duplice aspetto fisico e mentale. Settimana prossima prima trasferta dell’anno, in un insidioso ‘lunch match’ sul parquet di Bergamo.

VIRTUS ROMA-VIRTUS CASSINO 86-71 (27-17; 51-33; 73-55)
ROMA: Spizzichino ne, Alibegovic 4, Lucarelli ne, Chessa 2, Moore 17, Sandri 2, Baldasso 5, Saccaggi 8, Landi 16, Sims 24, Matic ne, Santiangeli 8. All: Bucchi.
CASSINO: Masciarelli ne, Ingrosso 17, Jackson 12, Castelluccia, Gambelli ne, Fontana ne, Paolin ne, De Ninno 3, Bagnoli 15, Bianchi ne, Raucci 11, Pepper 13, Rossi, Montagner ne, Pacitto ne. All: Vettese.

Matteo Buccellato

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: