Una domenica per l’ebraismo

66 località italiane si sono attivate per la Giornata Europea della Cultura ebraica

di Silvia Cresci

fonte: archaeogate.org

fonte: archaeogate.org

Un’intera giornata dedicata alla cultura ebraica è stata quella di domenica scorsa, 29 settembre, in tutta Italia. Le 66 località che hanno aderito alla manifestazione hanno ospitato conferenze sul tema dell’ebraismo, visite guidate a sinagoghe, cimiteri israelitici e quartieri ebraici, nonché tante altre iniziative tra cui concerti di musiche tradizionali, degustazioni di vini e dolci tipici, narrazioni e laboratori per bambini.

La Giornata Europea della Cultura Ebraica, coordinata nel nostro Paese dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, si tiene ogni anno nel mese di settembre, ed è questa la sua quattordicesima edizione. La finalità è quella di ampliare la conoscenza dei tanti aspetti che caratterizzano l’ebraismo e di suscitare l’interesse da parte di adulti e bambini. Per questo vengono aperti al pubblico luoghi normalmente non visitabili e si organizzano mostre fotografiche e multimediali di tipo documentario.

Prendendo parte anche ad una soltanto di queste iniziative ci si affaccia su un mondo ricco di tradizioni in tutti i campi, dalla religione fino alla cucina. Ma c’è una tradizione fra tutte queste sulla quale ci si è voluti concentrare in particolar modo quest’anno ed è il rapporto tra l’uomo e la natura.

Capire come l’ebraismo interpreta la natura e quale dovrebbe essere il comportamento dell’uomo nei confronti di quest’ultima, a partire dai criteri di sfruttamento delle risorse naturali, sono stati gli argomenti cardine delle iniziative in programma per quest’edizione, che è stata infatti intitolata “Ebraismo e natura”.

fonte immagine: moked.it

fonte immagine: moked.it

Le api, la natura e l’ambiente”, “Uomo-natura-ambiente nella Torah”, “Coltivare e custodire la natura”, “Le donne e la natura nella Torah” sono alcune delle conferenze tenutesi nella giornata di ieri. Anche i laboratori organizzati all’interno dei musei erano incentrati sullo stesso tema, come quello sulla macinatura e panificazione al Museo della civiltà contadina di Offanengo in provincia di Cremona, o quello che a Viareggio è stato dedicato alle specie vegetali nella Torah.

I bambini hanno avuto modo di divertirsi anche nell’apprendimento dei fondamenti della scrittura ebraica e a Modena, per chiunque ne avesse avuto voglia, c’era un laboratorio nell’ambito del quale si poteva imparare a scrivere il proprio nome in caratteri ebraici.

A Roma, invece, si poteva cogliere l’opportunità di tuffarsi nella storia, con le visite guidate nella Catacomba ebraica di Vigna Randanini, sull’Appia Antica, straordinariamente aperte al pubblico per l’intera giornata.

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: