Basket: l’Acea Roma rialza la testa e batte Siena 67-62

La Virtus in gara-2 rimonta la Montepaschi e pareggia la finale sull’1-1. Domani primo match in Toscana 

di Samuele Perotti
@SamuelePerotti

La squadra ringrazia il pubblico dopo la vittoria di ieri sera (fonte immagine: tripladoppia.com)

La squadra ringrazia il pubblico dopo la vittoria di ieri sera (fonte immagine: tripladoppia.com)

Al termine di una partita nervosa e non bella l’Acea Roma conquista gara-2 67-62 contro la Montepaschi Siena con una straordinaria prova di cuore. I capitolini hanno rimontato dal -12 e nel finale hanno sfruttato il calore del pubblico per pareggiare la serie. Buona prova di squadra ma questo successo è firmato dagli uomini più importanti: Datome e Lawal. Soddisfatto coach Calvani al termine del match: “Almeno il mestolo di legno del 4-0 ce lo siamo evitato. C’è grande soddisfazione, questo è un bel risultato. Voglio fare i complimenti ai miei giocatori, siamo competitivi e dobbiamo avere fiducia nei nostri mezzi”.

La Virtus parte bene e guida il match nel primo quarto, che si chiude 18-16. Bene in attacco, Roma non scappa a causa delle disattenzioni difensive, soprattutto sotto canestro, dove Ortner domina con 10 punti e 4 rimbalzi (alla fine saranno 18 e 8 per l’austriaco) . L’Acea si appoggia a Datome e Phil Goss. L’americano fatica a tornare sui livelli della semifinale ma non si tira mai indietro nei momenti caldi ed è un vero trascinatore fuori e dentro il campo: 8 punti e 3 palle recuperate.

Il secondo periodo è scadente, anche a causa di alcune decisioni arbitrali che scaldano gli animi. La Virtus perde completamente la bussola e la Montepaschi senza brillare scappa, andando all’intervallo lungo sul 24-33. Tra le difficoltà cerca di emergere Taylor. Il play è meno brillante di gara-1 ma resta un punto di riferimento per i compagni: 10 punti e 6 assist.

Al ritorno dagli spogliatoi per l’inizio della ripresa la musica non cambia. I capitolini faticano a fare gioco e così si ritrovano sul massimo svantaggio (36-48). Quando tutto sembra perduto Roma reagisce. La scossa, questa volta, arriva dai tiri dall’arco (4/5 nel periodo, 6/20 alla fine). Finalmente torna sui suoi livelli Datome, che in questi minuti è il vero trascinatore. Il sardo non è nelle stesse condizioni del campionato ma ha un cuore e una classe tale (vedi la poderosa schiacciata in contropiede nel finale), che alla fine risulta determinante: 17 punti e 6 rimbalzi. L’unico neo resta l’eccessiva imprecisione al tiro da fuori: l’1/7 non lo può soddisfare.

Lawal

Gani Lawal: per il centro dell’Acea Roma una bella prova in gara-2 (fonte immagine: dailybasket.it)

L’ultimo quarto si apre sul punteggio di 46-51 per Siena e sarà combattuto ed equilibrato. Il Palazzetto si infiamma e con essa la Virtus, che riesce finalmente a coinvolgere con successo Gani Lawal. Il centro, che per lunghi tratti è stato l’unico schema offensivo, parte distratto (7 palle perse) soprattutto in difesa, ma poi emerge con il suo strapotere fisico in entrambi le fasi di gioco: 19 punti, 13 rimbalzi e 2 stoppate. L’Acea prova il primo allungo sul 59-55 ma i punti di Carraretto e Hackett portano la Montepaschi di nuovo avanti.

Colpo del ko? Nemmeno per sogno. Gli uomini di Calvani trovano ancora la forza di rialzarsi e con un parziale di 8-2 nel finale chiudono 67-62. Successo importante questo, ottenuto senza poter contrare su Bobby Jones, che sembra essere ripiombato nella crisi di gioco della regular season. Tanti errori e solo 5 punti e 8 rimbalzi per lui.

Siena paga la pessima percentuale al tiro da 3 (3/19, ma era irripetibile la prova di gara-1) e la serata in ombra dei suoi tre tenori: Moss (8 punti) è nervoso e dall’arco non vede mai il canestro, 0/5, Brown (8 punti) non incide mai e Hackett non è lucido, come dimostra la tripla che si prende nel finale. L’Acea lo limita nelle penetrazioni e così chiude con 12 punti e 4 assist, risultando comunque il migliore dei suoi.

Ora la serie si sposta in Toscana. Domani sera gara-3 servirà per capire se la vittoria di ieri è stata solo una reazione nervosa oppure se la Virtus Roma è sulla buona strada per fare qualcosa di grande. Per battere Siena a domicilio ci sarà bisogno di un grande collettivo e on pizzico di fortuna. Marco Calvani ne è convinto: “La nostra vittoria in regular season a Siena sarà fondamentale per questa serie. Siena ha giocato una stagione piena di pressioni e la nostra partita vinta al PalaEstra sarà una pressione in più. Abbiamo le nostre chance, ogni partita fa storia a sé”.

Acea Virtus Roma-Montepaschi Siena 67-62 (18-16; 24-33; 46-51)

Virtus Roma: Goss 8, Jones 5, Tambone ne, Tonolli ne, Gorrieri ne, D’Ercole 3, Datome 17, Bailey, Taylor 10, Lawal 19, Czyz 5, Lorant. All. Calvani
Montepaschi Siena: Brown 8, Eze 4, Carraretto 5, Rasic, Kangur, Sanikidze 3, Ress 3, Ortner 19, Lechthaler ne, Janning, Hackett 12, Moss 8. All. Banchi

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: