Basket: Acea ancora ko, Cantù espugna Roma e va sul 3-2

La Lenovo vince 77-66 al Palazzetto dello Sport e ora comanda la semifinale. Domani i lombardi possono chiudere i conti. Calvani: “Loro bravi, esperti e con profondità”

di Samuele Perotti
@SamuelePerotti

Nell'immagine Datome: il capitano dell?Acea Roma non è al top a causa di un problema alla caviglia

Nell’immagine Datome: il capitano dell?Acea Roma non è al top a causa di un problema alla caviglia

Al termine di un match dai non elevati contenuti tecnici, Cantù con una prova solida batte l’Acea Roma e si porta in vantaggio 3-2 nella serie. I capitolini hanno lottato su ogni pallone ma sono apparsi stanchi, poco lucidi e ancora una volta hanno sbagliato l’approccio: “Nell’affrontare la gara bisognerebbe partire con lo spirito con cui si esce dalla partita precedente – dirà Marco Calvani al termine del match –, non ci si può accendere e spegnere a intermittenza”. L’Acea non è riuscita a sopperire col cuore ad un roster corto e inadeguato.

Proprio questo invece è stata l’arma vincente della Lenovo, come sottolinea il coach della Virtus: “Loro sono bravi, esperti e hanno profondità, basti pensare che possono permettersi di schierare il capitano della Nazionale per 4’ e di lasciare in panchina quello che avrebbe dovuto essere il play titolare”.

Anche in gara-5 l’Acea è costretta ad inseguire dall’inizio. Gli uomini di Calvani lottano ma non sono lucidi (come dimostra la bassa percentuale ai liberi, 10/20 alla fine). Nonostante questo, alla prima pausa si va sul 19-19. L’emblema di queste difficoltà è Gigi Datome. Il capitano a causa del problema alla caviglia, fatica a correre e soprattutto a trovare i suoi canestri: 6 punti (3/14 dal campo) e 5 rimbalzi. A questo punto, sorgono molti dubbi sulla gestione dell’infortunio dell’ala della nazionale. Il sardo da una settimana è costretto a delle infiltrazioni, eppure ha giocato una media di 30’ nei precedenti tre match. Con il senno di poi sarebbe stato meglio lasciarlo a riposo in una, o entrambe le sfide di Cantù, per recuperarlo pienamente.

Il secondo quarto si apre con il primo vantaggio della Virtus. Questo non basta a sbloccare i padroni di casa, che attaccano malissimo. Il canestro sembra stregato e così la Lenovo senza brillare va all’intervallo lungo sul 33-38. Seppur meno brillante rispetto alle ultime prove Phil Goss si sacrifica tantissimo in difesa ed è il più continuo in attacco: 14 punti e 4 rimbalzi. Stessi punti (e 2 assist) anche per Jordan Taylor, che però è poco incisivo e soprattutto sparisce dal campo nell’ultimo quarto. Giocare con una doppia frattura al naso non è facile, ma quello che pesa più di tutto su di lui è l’alto minutaggio di questa stagione.

Il terzo periodo è un concentrato di emozioni. La Virtus è senza idee e permette a Cantù di volare sul massimo vantaggio (37-50). La Lenovo molla un attimo e l’Acea con un parziale di 7-0, frutto di estemporanee iniziative personali, torna a farsi sotto. La tripla di Tabu chiude il periodo sul 44-53. Anche Gani Lawal paga gli sforzi di questa lunga stagione e sotto canestro fatica ad imporre la sua fisicità. Tyus al contrario appare di un altro livello (10 punti e 5 rimblazi) e così lui per troppi minuti è assente ingiustificato: 11 punti e 7 rimbalzi.

L’ultima frazione mostra una squadra che vorrebbe ma non può. La testa impone di non mollare, ma gli uomini di Calvani sono stanchi e per questo sciupano molte occasioni importanti (vedi rimessa spedita in tribuna sul -6 a 8′ dalla fine). Cantù senza brillare riesce a sopperire all’espulsione per doppio antisportivo di Scekic e alla pesante situazione disciplinare di Cusin, pessimo anche ieri, e Tyus.

Roma lotta ma non riesce mai ad impensierire i lombardi che si aggiudicano gara-5 77-66. Uno degli ultimi ad alzare bandiera bianca è Bobby Jones. L’americano è confusionario, a tratti si intestardisce in azioni senza senso ma il suo l’ha fatto anche ieri: 13 punti e 11 rimbalzi.

Grazie a questa vittoria Cantù conduce la serie 3-2. Domani sera la Lenovo si gioca il primo match ball in casa. In questi play-off il Pianella è ancora in battuto ma al di là di questo a preoccupare sono soprattutto le condizioni fisiche della squadra di Calvani, che però non molla: Ora andiamo a Cantù, non ci caliamo le braghe ma vogliamo giocarci la partita.

Acea Virtus Roma-Lenovo Cantù 66-77 (19-19; 33-38; 44-53)

Acea Roma: Goss 14, Jones 13, Tambone ne,Tonolli ne, Gorrieri ne, D’Ercole, Datome 6, Bailey, Taylor 14, Lawal 11, Czyz 5, Lorant 3. All. Calvani
Lenovo Cantù: Abass ne, Scekic 7, Smith ne, Leunen 13, Mazzarino 8, Brooks 6, Tyus 10, Tabu 6, Ragland 9, Aradori 18, Cusin, Mancinelli. All. Trinchieri

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: