Il Rinascimento a Firenze

La scultura e le arti in mostra a Palazzo Strozzi fino al 18 agosto

di Silvia Cresci

fonte immagine: agi.it

fonte immagine: agi.it

Sono 140 i capolavori in mostra già da qualche giorno a Firenze, per un evento dedicato al primo Rinascimento che coinvolge da una parte Palazzo Strozzi e dall’altra il Louvre di Parigi, dove l’esposizione si trasferirà dal 26 settembre 2013.

La Primavera del Rinascimento è dunque una mostra itinerante, costruita intorno ai più grandi maestri di quegli anni compresi tra il 1400 e il 1460 che hanno segnato profondamente la storia dell’arte. Si tratta di Ghiberti, Donatello, Brunelleschi, Filippo Lippi, Paolo Uccello e molti altri nomi chiave della scultura e della pittura di quel periodo.

Ed è proprio dalla scultura che tutto ha avuto inizio, come hanno voluto sottolineare attraverso il percorso espositivo i due curatori della mostra, Beatrice Paolozzi Strozzi e Marc Bormand. Ecco dunque in primo piano le formelle con il Sacrificio di Isacco che furono realizzate da Filippo Brunelleschi e Lorenzo Ghiberti agli albori del Quattrocento e che introducono quei cambiamenti che di lì a breve sarebbero andati a influenzare anche la pittura.

Proprio nel concentrarci su quest’ultima, ecco che andiamo a riscontrare l’evidente influenza della scultura nei dipinti di Masaccio, Paolo Uccello, Andrea Del Castagno, Filippo Lippi. È questo per lo meno quanto si evince in una delle dieci sezioni di cui la mostra si compone, intitolata “Pittura scolpita”, nella quale hanno trovato posto capolavori come il San Paolo di Masaccio, la Sibilla Cumana di Andrea del Castagno e .Jacopone da Todi di Paolo Uccello.

Alcune delle opere in mostra sono state restaurate proprio per l’occasione, come il San Ludovico di Tolosa di Donatello, il modello ligneo della cupola del Duomo di Firenze di Filippo Brunelleschi, la Madonna Trivulzio di Filippo Lippi. Molteplici sono le loro provenienze, in quanto alla mostra hanno aderito, in qualità di enti prestatori, diversi musei di tutto il mondo, dal British Museum di Londra al Metropolitan Museum of Art di New York. Senza contare poi che un cospicuo numero di opere vengono direttamente da Firenze e Parigi.

fonte immagine: firenzemadeintuscany.com

fonte immagine: firenzemadeintuscany.com

Diverse iniziative sono collegate all’esposizione, non solo visite guidate e laboratori didattici, ma anche conversazioni d’arte insieme agli esperti. Da non perdere è inoltre l’International Slow Art Day, in programma per sabato 27 aprile: un’iniziativa che stimola il visitatore a dedicare più di qualche minuto all’osservazione delle singole opere, cosicché le stesse possano diventare subito dopo oggetto di dialogo tra i partecipanti.

La Primavera del Rinascimento. La scultura e le arti a Firenze 1400 – 1460

Firenze, Palazzo Strozzi

23 marzo – 18 agosto 2013

Orari: 9.00-20.00 (tutti i giorni); 9.00-23.00 (giovedì)

Biglietto: 12,50 € (intero); 8 € (ridotto)

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: