Basket: incredibile Acea Roma!

  • lawal9
    Gani Lawal, 14 punti, 14 rimbalzi e tanta aggressività contro Siena (fonte immagine: sport.virgilio.it)

La Virtus demolisce Siena in trasferta 70-94 e vola al terzo posto in classifica. Marco Calvani: “Abbiamo costruito la vittoria sul lavoro difensivo, sulla nostra reattività”

di Samuele Perotti
Twitter: @SamuelePerotti

Gani Lawal, 14 punti, 14 rimbalzi e tanta aggressività contro Siena (fonte immagine: sport.virgilio.it)

Gani Lawal, 14 punti, 14 rimbalzi e tanta aggressività contro Siena (fonte immagine: sport.virgilio.it)

Visti gli impegni ravvicinati e le assenze nella Montepaschi, nell’ambiente romano si sognava un colpaccio al PalaEstra. Nemmeno il più ottimista però sperava di ottenere una vittoria così autoritaria. Roma ha vinto tutti e 4 i parziali mettendo in mostra le sue doti migliori: gioco di squadra, ritmo e aggressività a tutto campo e soprattutto fisicità sotto canestro. Siena è rimasta in partita 15’ poi la strada per gli uomini di Calvani si è messa in discesa, anche grazie alle giocate di Taylor. Con questa vittoria l’Acea ribalta anche il passivo dell’andata. In caso di parità al termine della regular season quindi, i capitolini arriverebbero davanti ai campioni d’Italia.

Nemmeno due giri di lancette e la Virtus si trova sotto 5-0. L’avvio sembra il solito, ma a differenza delle ultime partite l’Acea reagisce grazie ad una buona difesa e ad un fluido attacco guidato da Taylor e Goss. Questa la lettura di coach Calvani“Ci abbiamo creduto dall’inizio, quando abbiamo cominciato inseguendo e abbiamo costruito la vittoria sul lavoro difensivo, sulla nostra reattività”. Taylor dimostra subito di avere la mano calda e  grazie alla sua esperienza, emerge nei momenti in cui altri punti di riferimento faticano e chiude con 13 punti. Siena trova i punti di Ortner (7 punti) e resta aggrappata al match con le unghie: dopo 10’ siamo 23-27.

Nel secondo periodo la partita s’accende. La MensSana sfrutta la debolezza delle seconde linee di Roma e si riporta avanti. Calvani reinserisce i migliori e la musica cambia di nuovo. Le maglie difensive si chiudono, la sfida a rimbalzo è dominata e grazie al capolavoro di Datome l’Acea va all’intervallo lungo sul 39-47. Protagonista assoluto di questo periodo è Lawal. Il centro mette in mostra tutte le sue doti fisiche e qualche progresso tecnico: una spettacolare doppia doppia (14 punti e altrettanti rimbalzi). Proprio questa è una delle chiavi di lettura del match. Siena infatti esce con le ossa rotte dagli scontri sotto le plance: 44 rimbalzi a 22 per Roma, che trova soluzioni importanti anche da Czyz (10 punti).

Troppo brutta per essere vera questa Montepaschi. La squadra di Banchi ha risentito delle assenze di Hacket e Ress, dei problemi alla schiena di Eze (con lui in campo Lawal ha faticato) e degli impegni in Eurolega. In questa situazione i toscani si accendono solo grazie alle giocate di Bobby Brown, il migliore dei suoi con 15 punti e 7 assist. Male Moss che viene superato con troppa facilità in difesa e in attacco non punge (9 punti, 1/5 da 3). Va dato atto a Siena di non aver mollato fino all’ultimo e soprattutto di aver trovato solidità a livello di punti in Kangur (12) e Sanikidze (13).

Il terzo quarto è il più combattuto. Senza troppi affanni l’Acea vola sul +13. La Montepaschi non ci sta e reagisce guidata da Brown. Il solo play toscano non basta però, così la Virtus al 30’ è avanti 66-55 grazie alle giocate del duo Taylor-Datome. Lo statunitense mette a segno l’ennesima gara convincente, dimostrando di essere migliorato non solo a livello mentale ma soprattutto per la varietà di giocate. Le sue penetrazioni sono sempre più difficili da arrestare ma quello che stupisce della prova di ieri è lo straordinario 4/4 dall’arco (21 punti, 5 assist). Datome è il leader indiscusso. Anche in una serata dove la mano non è caldissima (16 punti, 1/5 da 3, 5/9 da 2) il suo carisma emerge con forza e da tranquillità ai compagni. Curiosità statistica: dopo oltre un anno e mezzo il sardo torna a sbagliare un tiro libero in trasferta.

Siena prova a rimanere attaccata al match anche all’inizio dell’ultimo periodo. I ritmi si alzano e la gara si muove punto a punto, fino a quando in rapida successione gli arbitri fischiano un antisportivo a Brown e un tecnico a Banchi. Roma ne approfitta, vola sul +20 con la schiacciata di Czyz e chiude la partita. La Montepaschi infatti è stanca, ha la testa già all’Eurolega (giovedì sfida decisiva con l’Olympiacos) e gli ultimi minuti servono per fissare il punteggio sul 70-94 e per dare attimi di gloria a Bobby Jones (9 punti ma ancora troppi falli e confusione).

MONTEPASCHI SIENA-ACEA ROMA 70-94 (23-27;  39-47; 55-66)

MONTEPASCHI SIENA: Brown 15, Eze 5, Carraretto, Rasic, Kangur 12, Sanikidze 13, Ress, Ortner 7, Lechthaler ne, Sousa ne, Janning 9, Moss 9. All. Banchi

ACEA ROMA: Goss 13, Jones 11, Tambone, Tonolli ne, Gorrieri ne, D’Ercole 5, Aden, Datome 16, Taylor 21, Lawal 14, Czyz 10, Lorant 4. All. Calvani

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 18 Marzo 2013

    […] Papa), l’Acea Roma non solo conferma quanto di buono fatto a Siena pochi giorni fa (leggi qui l’analisi della vittoria contro la Montepaschi), ma consolida la sua terza posizione in […]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: