Caso Kazakistan: ministri a propria insaputa, accordi petroliferi e “cattive amicizie”

Ancora una volta l’Italia fa un passo falso in politica estera: come sempre la colpa non è di nessuno