Virtus Roma da urlo: Fortitudo Bologna strapazzata 79-65

Con uno stellare secondo tempo la Virtus Roma travolge la Fortitudo Bologna e trova il terzo successo di fila davanti ad oltre quattromila spettatori. Jefferson ed Alibegovic mattatori di serata. Ed ora c’è l’Olimpia Milano

Tris di vittorie per la Virtus Roma, che in un Palazzo dello Sport che sfonda quota quattromila spettatori tramortisce la Fortitudo Bologna 79-65 con uno stellare secondo tempo. Guidata da uno strepitoso avvio di Jefferson, Roma tiene sempre il passo della squadra di Martino per poi affondare il colpo con un brillante secondo tempo, nel nome di un Alibegovic in costante crescita e con un irreale dominio sotto canestri (45 a 24 il confronto nei rimbalzi). Dyson è talento ed esperienza, Kyzlink rifinisce, Buford la sorpresa di questo avvio di stagione: Roma centra la terza vittoria di fila ed ora attende l’Olimpia Milano, nell’atteso ritorno di una delle classiche della pallacanestro tricolore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

LA GARA – Una Virtus spumeggiante in apertura di partita, che trascinata da un sontuoso Jefferson contrasta gli assalti dei biancoblù e vola sul 21-12, con l’ex Cantù che domina nel pitturato. La Fortitudo tenta una reazione a cavallo dei due quarti e con Robertson trova il sorpasso (25-28).

La corsa a tagliare il campo in due con cambio di direzione, canestro e fallo subito di Dyson è degna immagine dello smisurato talento del faro di questa Virtus, che con il già campione d’Italia trova un nuovo vantaggio (32-28).

La pattuglia tricolore di Bologna si mobilita per dare uno scossone, Alibegovic risponde partecipando al dominio virtussino sotto la voce rimbalzi e con un canestro sulla sirena di Jefferson i padroni di casa chiudono a metà tempo sul 41-36.

Roma si scatena nel terzo quarto, e se Dyson indica la via è Alibegovic a tramortire il reparto lunghi della Fortitudo, con il classe ’95 che cresce di partita in partita. La Virtus dilaga 55-38, respinge il tentativo biancoblù di contenere i danni a suon di zona e chiude al 30’ sul 61-45 con un graffio vincente sulla sirena di Kyzlink.

Il ceco parte a spron battuto anche nell’ultimo quarto, in una frazione di gioco che vale più per lo spettacolo che per altro. Bologna alza ben presto bandiera bianca e la Virtus va a vincere 79-65. Terzo sorriso consecutivo per la truppa di Bucchi, che sale a quota 6 punti in classifica ed ora se la vedrà con la corazzata Milano.

VIRTUS ROMA-FORTITUDO POMPEA BOLOGNA 79-65 (21-16; 41-36; 61-45)

ROMA: Cusenza ne, Moore 2, Alibegovic 17, Rullo ne, Dyson 14, Baldasso 2, Pini, Farley ne, Spinosa, Jefferson 21, Buford 12, Kyzlink 11 All: Bucchi

BOLOGNA: Robertson 16, Aradori 9, Cinciarini 11, Mancinelli 2, Dellosto 6, Sims ne, Fantinelli 2, Daniel 4, Stephens 10, Stipcevic 5 All: Martino

Matteo Buccellato

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: