Gli “Spiccioli per il latte” del commissario Kluftinger

Spiccioli per il latte di Emons Libri e Audiolibri è il primo di una collana di otto gialli di Klüpfel & Kobr che hanno come protagonista il commissario Kluftinger
La copertina di Spiccioli per il latte

La copertina di Spiccioli per il latte

Altusried in Algovia è una sorta di paradiso terrestre dove le mucche pascolano in prati sterminati, un paesino meraviglioso di circa 10mila abitanti. Uno di loro è Kluftinger, burbero commissario di polizia di mezza età di cui non si conosce il nome di battesimo. Il nostro personaggio è un antieroe di provincia, lontano dagli stereotipi del giallo anglosassone, proprio lui che disdegna gli inglesismi, il cibo etnico, viaggiare.

Lui e sua moglie Erika conducono una vita tranquilla, scandita dal ritmo lento e rassicurante della routine. Come ogni lunedì, Kluftinger mangia i suoi Spätzel, tipici gnocchetti alle cipolle che chi va in Bavaria deve necessariamente assaggiare. Eppure questo lunedì gli Spätzel non gli danno la solita soddisfazione: un omicidio è stato consumato nella tranquilla Altusried.

Philip Wachter, chimico alimentare del caseificio locale, è stato strangolato e il pasto di Kluftinger viene interrotto da questa notizia. Wachter è uno stimato professionista, dongiovanni, apparentemente senza nemici eppure è stato ritrovato senza vita nella sua casa lussuosa, un vero grattacapo per la polizia che non sa che pesci pigliare.

Partono le indagini tra sfide con trattori, equivoci e un inseguimento al cimitero e la vicenda da semplice omicidio, prende sempre più i colori di una truffa. Fanno da sfondo le vicende personali del commissario alle prese con una moglie che ama viaggiare e che cerca di trascinarlo in vacanza, un padre poliziotto in pensione, vicini invadenti e ovviamente l’Algovia che non è solo ambientazione della vicenda ma sembra avere un ruolo ben definito nella storia.

Il logo del Krimi Festival

Il logo del Krimi Festival

Milchgeld (Spiccioli per il latte, Emons Libri e Audiolibri) è il primo di una collana di otto gialli di Klüpfel & Kobr che hanno come protagonista il commissario Kluftinger. In Germania è stato accolto calorosamente dal pubblico con più di 800mila copie vendute al punto che ne sono stati tratti due film (uno proprio per Milchgeld, proiettato durante il Krimi Festival di Roma). Lo stile leggero e accattivante accompagna il lettore fino alla fine del libro che trasuda humor in tutte le pagine mitigando i tipici cliché del giallo.

I temi sono disposti “a scatola cinese”: l’omicidio, la frode, lo scandalo, la globalizzazione, lo sfruttamento dell’agricoltura, la sofisticazione alimentare. Del resto i due autori hanno un background culturale che consente loro di spaziare tra i temi più disparati: Volker Klüpfel è infatti laureato in scienze politiche e storia e lavora nella redazione culturale dell’Augsburger Allgemeine, mentre Michael Kobr ha studiato romanistica e germanistica e ora insegna in un liceo proprio in Algovia, dove vive. Due penne più noir che gialle che hanno creato questa fortunata serie che vi farà sembrare di essere tra le tranquille (ma non troppo) montagne bavaresi.

Spiccioli per il latte – Il primo caso del commissario Kluftinger
di Volker Klüpfel e Michael Kobr
Emons Libri e Audiolibri
288 pagine, traduzione Anna Carbone
Edizione testo Piper Verlag, 2006
Pubblicazione 24 marzo 2016

Federica Albano

*articolo aggiornato al 22 gennaio 2019

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: