Raccontare l’immigrazione senza paura né pietà

Non solo giornalisti: per costruire una narrazione umana dell’immigrazione c’è bisogno del contributo di tutti, compresi gli operatori dell’accoglienza che possono far tesoro della loro esperienza quotidiana e dare voce a chi spesso non può farsi sentire