E ora?

Dopo il voto, lo stallo più grave della Seconda Repubblica paralizza il Paese. Chi festeggerà alla fine nel Palazzo, ma soprattutto, festeggeremo anche noi?