Autore: Alessandra Lunetta

decreto sicurezza 0

Il popolo senza testa. I morti in fondo al mare

Sulla necessità e sull’urgenza di un ribaltamento di prospettiva circa l’analisi dell’attuale situazione politica e ancor di più sociale, partendo dall’ultima tragedia nel Mediterraneo che ha visto la morte di 117 esseri umani e dallo sgombero del CARA di Castelnuovo di Porto

0

Da Womanhood a Freeda: quando la femminilità travalica ogni confine

Un’antropologa francese di origine algerina e il suo progetto Womanhood, dove prendono la parola 15 donne egiziane. Freeda, agenzia di media/stampa di Milano esclusivamente al femminile attiva sui social network dove le donne sono libere di esprimersi. Due casi, due Paesi, una sottile linea rossa: la femminilità, anche senza militanza, universale e senza confini, e una telecamera

0

“Nuvole di fango”: un coraggioso viaggio nel torbido della natura umana

“Nuvole di fango”, esordio letterario della psicologa forense Inge Schilperoord pubblicato da Fazi Editore, non affronta banalmente il tema spinoso e quanto mai delicato della pedofilia: porta il lettore direttamente nella testa del protagonista, un criminale in cerca di redenzione, coinvolgendolo in un viaggio che tocca i punti più bui e nascosti dell’uomo, senza giudizi né riserve, in un’analisi lucidissima che non perde mai di umanità. Accostarsi a un simile testo, opera prima veramente impeccabile, è difficile, scollarsi di dosso le...

0

Reinserire i detenuti nella società: il primo progetto italiano di social impact bond

Qual è lo stato dell’arte della condizione dei detenuti in Italia? Quanti di loro riescono effettivamente ad avere una seconda possibilità? Dai dati del XIII Rapporto Antigone al progetto dei Social Impact Bond, presentato a Torino alla presenza del ministro della Giustizia Andrea Orlando, promosso da Fondazione Sviluppo e Crescita CRT e Human Foundation: che i “pay for success bond” siano la giusta strada da intraprendere? 

0

Sul senso del Kairos e del Pathos

Quando l’etnia o il diverso vengono sfruttati per esternare frustrazioni sociali. Quando la comunità si divide invece di unirsi. Sulla necessità di recuperare la nostra umanità, e sul fatto che, a volte, è meglio rimanere in silenzio